BREXIT – essere o non essere – in tema di diritti di autore quali rimarranno?

BREXIT – essere o non essere – in tema di diritti di autore quali rimarranno?

 

Il fatto che il diritto d’autore sia di vitale importanza per le aziende a volte sembra essere dimenticato quando si discutono cambiamenti nella scala dei valori dell’impatto di BREXIT che in queste ore si discute nella house of commons ed a Bruxelles.

La legge sul recesso dall’Unione europea (Withdraw) 2018 è stata prevista nello statuto dal 26 giugno 2018, in previsione dell’effettivo “giorno dell’uscita” che fino a qualche giorno fa pareva essere il 31 ottobre. È quella legge che ha spianato la strada alla negoziazione dell’accordo di recesso tanto dibattuto e (ai sensi del s 13) i requisiti per una dichiarazione che è stato raggiunto un accordo politico, una copia dell’accordo di ritiro negoziato e una copia del quadro per la le relazioni future dovranno essere ratificate da entrambe le Camere del Parlamento (Commons e Lords). E il resto è alla portata di tutti se guardate la BBC che quotidianamente senza nascondere alcun imbarazzo  mostra al mondo. Ma che dire del copyright e di altri diritti di proprietà intellettuale?È importante notare la legislazione secondaria che il Regno Unito ha messo in atto per riconoscere le modifiche che verranno applicate il giorno dell’uscita.

È inoltre importante tenere traccia del modo in cui le modifiche possono avere un effetto sugli accordi contrattuali in vigore laddove le legislazioni nazionali degli Stati membri dell’UE incidono sulle condizioni commerciali. Ciò è particolarmente rilevante per il modo in cui le organizzazioni di gestione collettiva (AGICOM o SIAE tanto per intenderci) gestiscono la propria rete di accordi di rappresentanza interconnessi.

BREXIT quindi porterà quindi a ulteriori cambiamenti?

Potrebbe benissimo. Dobbiamo affrontare quali elementi transfrontalieri della legge applicabile in base alle attuali norme sul diritto d’autore dovranno essere “rimessi” in base a qualsiasi futuro accordo commerciale tra Regno Unito e UE. Valutiamo quindi come le leggi nazionali del Regno Unito potranno essere riconosciute nel post BREXIT all’interno dell’UE: (a) uscita senza alcun accordo (lasciando quindi all’autonomia delle parti o al far west la regolazione internazionale privatistica e pubblica), ovvero (b) uscita con un accordo di transizione tutto da verificare ed infine  (c) uscita basato su un rinnovato accordo tra Regno Unito e UE che Boris Johnson sta faticosamente cavando.

 

Nuovi strumenti statutari già pronti da applicare dal giorno di uscita.

Il 5 settembre 2019 il governo britannico ha pubblicato un utile sommario delle modifiche alla legge sul copyright applicabili nel Regno Unito in caso di mancato accordo BREXIT  rintracciabili al sito in parentesi (https://www.gov.uk/government/publications/changes-to-copyright-law-in-the-event-of-no-deal/changes-to-copyright-law-in-the-event-of-no-deal).

Vale la pena notare l’impatto delle modifiche ai sensi di due strumenti statutari che applicheranno le modifiche dal giorno di uscita. Questi ono S.I. No. 605 – I regolamenti sulla proprietà intellettuale (diritto d’autore e diritti connessi) (modifica) (EU EXIT) 2019 e S.I. No. 265 – I regolamenti sulla proprietà intellettuale (esaurimento dei diritti) (EU EXIT) 2019. I primi generalmente cambiano riferimenti che applicano le disposizioni del UK Copyright Act  nei confronti dell’UE, al EEA o agli Stati membri (così come sono ora, incluso il Regno Unito) per fare riferimento solo al Regno Unito. È importante ricordare che le modifiche che possono essere apportate non influenzeranno la posizione del Regno Unito (o addirittura la posizione di altri Stati membri dell’UE) ai sensi dei trattati internazionali che sostengono la legge sul diritto d’autore e che si applicano al di fuori della legislazione nota come acquis sul diritto d’autore dell’UE. Le norme previste dall’accordo TRIPS (collegato all’OMC), la convenzione di Berna e i trattati sul diritto d’autore dell’OMPI non saranno interessati.

Un esempio di ciò è evidenziato dalle modifiche attese ai 15 CDPA che definiscono il paese di origine ”per le opere protette da copyright”. Le uniche modifiche alle disposizioni sono evidenziate in 15 A (4) (a) e (b).

15A Significato del paese di origine.

(1) Ai fini delle disposizioni della presente parte relative alla durata del diritto d’autore, il paese di origine di un’opera è determinato come segue.

(2) Se l’opera è stata pubblicata per la prima volta in un paese della Convenzione di Berna e non è pubblicata contemporaneamente altrove, il paese di origine è quel paese.

(3) Se l’opera viene pubblicata per la prima volta contemporaneamente in due o più paesi, solo uno dei quali è un paese della Convenzione di Berna, il paese di origine è quel paese.

(4) Se l’opera viene pubblicata per la prima volta contemporaneamente in due o più paesi di cui due o più sono paesi della Convenzione di Berna, allora—

(a) ELIMINA “se uno di questi paesi è uno stato SEE, il paese di origine è quel paese” – INSERIRE “se il Regno Unito è uno di quei paesi, il paese di origine è il Regno Unito”; e

(b) ELIMINA “se nessuno di questi paesi è uno stato SEE” INSERIRE “se il Regno Unito non è uno di quei paesi”, il paese di origine è il paese della Convenzione di Berna che garantisce il periodo più breve o più breve di protezione del copyright.

Forse le modifiche più significative saranno la revoca dei regolamenti di portabilità [1] e le modifiche all’applicazione del principio del paese di origine per le trasmissioni effettuate dal Regno Unito come “Stato non SEE” (Fanno parte dello S.E.E.: Austria, Belgio, Bulgaria, Cipro, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Italia, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Regno Unito, Repubblica Ceca, Romania, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Svezia, Ungheria, Islanda, Liechtenstein, Norvegia) a meno che lo Stato membro SEE non applichi già il regola del paese o dell’origine per le trasmissioni non SEE.

Per quanto riguarda il Regno Unito, la regola del paese di origine continuerà ad applicarsi generalmente alle trasmissioni ricevute nel Regno Unito da qualsiasi contea.

In questo contesto, ciò che accadrà per il recepimento da parte del Regno Unito delle “nuove” direttive UE del 17 aprile 2019 che modificano il diritto d’autore e le direttive sulla cabina di guida satellitare sarà importante.

L’ascesa di SVOD e l’importanza di distinguere i diritti secondari

L’ascesa di Video on Demand in abbonamento e la portata delle definizioni dei diritti utilizzate per descriverlo, possono avere un effetto a cascata sulla capacità dei produttori cinematografici di raccogliere quelli che potrebbero essere descritti come diritti secondari “tradizionali” più legati ai modelli commerciali transazionali Transaction VoD) se le offerte SVOD autorizzano “attività ancillari” (perdonate il tecnicismo cacofonico ma è per una miglior distinzione rispetto alla generica distinzione di “accessorie”).

Se gli spettatori ora vedono i servizi SVOD (Streaming Video come preferibili alla visualizzazione di reti via cavo o broadcast, l’accesso illimitato a programmi specifici per una tariffa concordata può eludere sia le normative sui contenuti di trasmissione sia le controversie sul trasporto via cavo (da cui è possibile estrarre il valore sotto forma di pagamenti di diritti secondari) .

Mentre la messa in servizio diretta per i servizi SVOD aumenta e il catalogo di alcuni grandi produttori (avrete notato in questi giorni la forte promozione di APPLE oltre alla già presente NETFLIX e AMAZON) viene ora ritirato per essere utilizzato sui propri servizi, potrebbe esserci ancora spazio per la vendita di programmi prodotti in modo indipendente a tali servizi.

Ciò può essere particolarmente vero se si sviluppano localizzate variazioni dei servizi SVOD. In questo caso, preservando la distinta titolarità dei diritti secondari tradizionali, un flusso di entrate della collecting societies sarà importante per evitare conflitti e argomentazioni di “buy-out” in futuro.

Formats di time-shifting e ritrasmissione mobile e impatto sulla ritrasmissione via cavo

La Sezione 70 CDPA 1988 è in circolazione da molto tempo. Sappiamo (quelli più avvezzi alla particolare normativa e materia che disciplina) che è stato ammesso effettuare il c.d. time shifting quando le registrazioni sono fatte in onda da trasmissioni lineari. Ma ci si domanda se i progressi tecnologici possano determinare  che la falla interpretativa della formulazione originale ora minacci i flussi legittimi delle entrate dei diritti secondari del futuro? Tali flussi che alcune società di collecting rights seguono in maniera competitiva in nord Europa soprattutto sono intesi a garantire il pagamento per l’uso dei programmi da parte di terzi a quelli della normale catena di distribuzione, quando tali terzi ottengono un vantaggio commerciale diretto o indiretto dall’uso dei programmi.

Il tradizionale time shifting non è stato considerato come un vantaggio commerciale diretto o indiretto di terzi, sebbene in molti paesi il valore / convenienza per i consumatori sia stato riconosciuto dall’applicazione di prelievi per copia privata  (c.d. “blank tape”).

Le società di collecting ti stampo privatistico e quindi  più intraprendenti stanno già perfezionando un monitoraggio dell’ambito dove i nuovi servizi applicano la nuova interpretazione dell’eccezione del time-shift, onde evitare che ciò pregiudichi le opportunità per servizi secondari come (a) la televisione ovunque in casa o (b) mettere in pausa e riavvolgere se tecnologicamente abilitati ed in osservanza della recente normativa (S 70 CDPA).

Direttiva UE sul diritto d’autore – 2019/790

Non vi è dubbio che la direttiva adottata il 17 aprile 2019 è stata una delle più controverse nella storia recente della Commissione . Gli Stati membri dell’UE sono tenuti a recepire le disposizioni della direttiva nelle legislazioni nazionali entro il 7 giugno 2021. Tuttavia, la grande domanda è se il Regno Unito sarà più uno Stato membro dell’UE e quindi tenuto a recepire la direttiva in termini transitori BREXIT al 7 giugno 2021. In caso contrario, è ancora probabile che l’ufficio della proprietà intellettuale consulterà i titolari dei diritti del Regno Unito in merito alle disposizioni della direttiva che dovrebbero essere recepite (in particolare se ciò è collegato a futuri accordi commerciali conclusi tra il Regno Unito e l’UE).

Alcune disposizioni restano ancora controverse in materia del settore audiovisivo. L’articolo 13 prevede un meccanismo negoziale finalizzato a favorire l’accesso e la disponibilità di opere audiovisive su piattaforme video on demand. Gli articoli 18, 19 e 20 sollevano particolari preoccupazioni in merito all’applicazione pratica per i produttori di film e televisione (articolo 18 – garanzia che gli autori e gli attori abbiano diritto a ricevere una remunerazione adeguata e proporzionata) – Articolo 19 – obblighi di trasparenza per la segnalazione dello sfruttamento ai titolari dei diritti sottostanti e al Meccanismo di adeguamento del contratto da applicare “in assenza di accordi di contrattazione collettiva applicabili” per gli autori, i performer o i loro rappresentanti che hanno il diritto di chiedere una remunerazione aggiuntiva per lo sfruttamento “quando la remunerazione inizialmente concordata risulta essere sproporzionatamente bassa rispetto a tutte le entrate successive” guadagnate .

Un’interpretazione sensata rispetto a precedenti di prassi commerciali consolidate sarà assolutamente vitale in questi settori. Secondo chi scrive, saranno quegli articoli che stabiliscono misure per adattare le eccezioni e le limitazioni all’ambiente digitale e transfrontaliero, che devono essere seguite con particolare attenzione.

Questi possono alterare la misura in cui le licenze collettive secondarie possono operare e incassare le entrate secondarie quando i confini tra attività autorizzabili e l’applicazione di eccezioni a queste sono meglio coperti attraverso le licenze collettive. Un buon esempio è l’articolo 5, che crea nuove regole per l’uso delle opere nel campo dell’educazione per le attività di insegnamento digitale e transfrontaliero[1].

Talune collecting societies nel loro mandato coprono la raccolta di “Entrate per i diritti collettivi degli istituti di istruzione” che comprende: le Royalties e oneri o altre forme di equa remunerazione riconosciute ai sensi delle leggi nazionali o imposte dalla legge o designate per essere autorizzate e gestite collettivamente da una Società di gestione in relazione a (a) uso non commerciale di programmi o parti di essi per scopi didattici, di ricerca o scientifici o a scopo di insegnamento a scopo illustrativo o per uso da parte dei dipartimenti governativi; o (b) registrazione autorizzata di trasmissioni e trasmissioni di programmi via cavo da parte di istituti di istruzione, organizzazioni di ricerca o dipartimenti governativi, incluso l’intero o parte di qualsiasi Programma e l’uso non commerciale dei Programmi o registrazioni dei Programmi da parte delle organizzazioni autorizzate dalla Società di gestione nell’ambito delle licenze non esclusive che generano royalties rilevanti o altre forme di equa remunerazione.

Potrebbe essere necessario rivedere questa definizione man mano che vengono introdotti i termini della nuova direttiva sul diritto d’autore dell’UE.

Licenze collettive per applicazione estensiva dell’Articolo 12

i possibili Accordi Generali di Licenza Collettiva Estesi ai sensi di questo articolo sollevano nuovamente domande pratiche sulla domanda. L’ECL (Extended Collective Licensing arrangement) esiste quando le società di gestione collettiva concedono licenze per quei i diritti per sono stati incaricati e diritti simili dei proprietari che non hanno istituito i mandati. Si prevede che gli attuali regolamenti del Regno Unito del 2014 che potenzialmente supportano l’ECL, possano essere “sostituiti” con uno specchio delle disposizioni dell’UE in caso di recepimento.

Istituzioni culturali e non solo.

La direttiva definisce “istituzione del patrimonio culturale” come una biblioteca o museo accessibile al pubblico, un archivio o un istituto di eredità cinematografica o audio. Questo è un ampio gruppo di potenziali licenziatari dei diritti di sfruttamento IP.

Ma in caso di una possibile domanda nel Regno Unito, noi interpreti del diritto dovremo porci domande su come  includere una definizione specifica di ciascun sottogruppo per ovviare alla mancata disciplina della norma. Vi sono  inoltre domande a cui dover rispondere su come gli accordi collettivi consentano agli organismi di gestione collettiva di concludere una licenza non esclusiva per scopi non commerciali con un’istituzione per i beni culturali per situazioni come (a) Riproduzione (b) Distribuzione (c) Comunicazione al pubblico o (d) Mettere a disposizione del pubblico opere fuori commercio o altre materie “permanentemente” nella raccolta dell’istituzione, indipendentemente dal fatto che tutti i titolari dei diritti coperti dalla licenza abbiano mandato l’OCM.

Copia privata

Le collecting agencies garantiscono la remunerazione della copia privata per i titolari dei diritti. Tuttavia, la strada per garantire tali pagamenti è intarsiati di difficoltà. Le controversie tra rappresentanti dei titolari dei diritti e governi sono oggetto di discussioni continue.

Il contenzioso tra società di gestione collettiva e governi sono una costante

Ad esempio, in Danimarca, la società Copydan ha citato in giudizio il governo per circa 90 milioni di euro, mentre il governo sta cercando di evitare l’introduzione di prelievi e oneri su tutti i media di cui sopra. Non vengono effettuati pagamenti su smartphone. In Austria, gli affari sono stabili dopo che un accordo generale sulle tariffe è stato raggiunto 2-3 anni fa e nel 2018 sono stati concordati accordi di distribuzione tra le società di gestione collettiva. La distribuzione della quota dei produttori è di circa 4 milioni di euro per il periodo 2012-2018, ma le controversie sulle azioni dei fotografi rimangono da risolvere. Alcune importanti decisioni positive continuano a sostenere pagamenti e incassi. In particolare la decisione in VCAST (C-265/16) del 29 novembre 2017. Ciò stabilisce che un servizio di registrazione remoto (cloud) non può rientrare nell’ambito di applicazione dell’articolo 5, paragrafo 2, lettera b), della direttiva 2001/29. “In tali circostanze, non è più necessario verificare se le condizioni imposte dall’articolo 5, paragrafo 5, di tale direttiva sono state rispettate.

Alla luce di tutte le considerazioni che precedono, la risposta alle domande poste è che la direttiva 2001/29, in particolare l’articolo 5, paragrafo 2, lettera b), osta a una normativa nazionale che consente a un’impresa commerciale di fornire a privati ​​un servizio cloud per la registrazione a distanza di copie private di opere protette da copyright, mediante un sistema informatico, partecipando attivamente alla registrazione, senza il consenso del titolare ”.

È importante monitorare il modo in cui i diversi paesi prevedono pagamenti “reprografici” ai sensi dell’articolo 5.2 (a) e pagamenti “copia privata” ai sensi dell’articolo 5.2 (b) della Direttiva sul Copyright.

5.2 (a) prevede eccezioni e limitazioni per quanto riguarda le riproduzioni su carta o supporto simile, effettuate mediante qualsiasi tipo di tecnica fotografica o mediante qualche altro processo con effetti simili, ad eccezione degli spartiti, a condizione che i titolari dei diritti ricevano equo compenso.

5.2 (b) in relazione alle riproduzioni su qualsiasi supporto realizzato da una persona fisica per uso privato e per fini che non sono né direttamente né indirettamente commerciali, a condizione che i titolari dei diritti ricevano un equo compenso che tenga conto dell’applicazione o della non applicazione di misure tecnologiche di cui all’articolo 6 all’opera o all’oggetto in questione.

La legislazione a livello nazionale può attualmente applicare prelievi ai seguenti tipi di attrezzature e mezzi di comunicazione. Vale la pena ricordare che questi vanno da un tipo a un’intera gamma di articoli tra cui fotocopiatrici, scanner, fax, stampanti e macchine multifunzionali (cioè quelli che combinano le funzioni di uno qualsiasi dei precedenti). Ciò può valere anche per masterizzatori DVD o CD e personal computer, carta utilizzata per fotocopiare opere protette da copyright e DVD-R e CD-R.

Significato degli smartphone

Così come esistono divisioni tra gli accordi per la copia reprografica e la copia privata, così le divisioni delle entrate dovute ai produttori di audiovisivi e altri proprietari di diritti rimangono una battaglia, in particolare contro l’aumento crescente dell’uso degli smartphone e l’applicazione di prelievi a questi.

Inevitabilmente la quota pagata per la copia audiovisiva è inferiore a quella per testo e audio. In Francia, dove i prelievi complessivi raggiungono i 270 milioni di euro per il 2018 e le assegnazioni arretrate, circa il 65% dei ricavi è ora collegato agli smartphone. A seguito di ciò, la quota AV di tali ricavi è in calo, con l’ultimo totale identificato che dovrebbe scendere da circa 30 milioni di euro a 27/28 milioni di euro l’anno prossimo.

Le schede di memoria / chiavi USB sono altri supporti simili che ora stanno attirando prelievi. Le auto e le attrezzature informatiche all’interno di allora possono essere una fonte di prelievi. Alcune aree relativamente nuove come i dischi rigidi dei computer sono state introdotte in Francia, ma di nuovo la quota di AV sta diminuendo.

 

Screenrights

Sono state ora approvate le modifiche alla composizione della Screenrights Board, per dare al settore autoriale non meno di tre seggi. Le elezioni future avranno luogo per i nominati di sceneggiatori, registi e compositori o dei loro rappresentanti.

Pool di distribuzione

Lo stato dei pool di distribuzione è stato aggiornato al 1 ° luglio 2019. Le ripartizioni degli importi in sospeso sono disponibili all’indirizzo https://www.screenrights.org/help-centre/status-of-the-distribution-pools/?utm_source=newsletter&utm_medium=email&utm_campaign=off%20the%20air%20aug%202019 . $ 37,1 milioni sono stati distribuiti nel corso dell’anno. Oltre 4.000 pagamenti a 1.345 membri in 43 paesi.

Buon rapporto per le distribuzioni 2013 alla scadenza del periodo di distribuzione di sei anni

Il periodo di distribuzione di sei anni è scaduto per i canoni ricevuti nel 2013 – dal pool di distribuzione di $ 39,6 milioni ricevuti, il 97,5% è stato distribuito con successo

Screenrights e tutte le altre società di raccolta australiane: APRA AMCOS; ASDACS; AWGACS; Agenzia del copyright; e PPCA, hanno lanciato un nuovo sito Web autonomo per il Codice di condotta per le società di gestione dei diritti d’autore, reperibile all’indirizzo www.copyrightcodeofconduct.org.au .

 

[1] L’articolo 5 prevede

Uso di opere e altri argomenti nelle attività di insegnamento digitale e transnazionale

  1. Gli Stati membri prevedono un’eccezione o limitazione ai diritti di cui all’articolo 5, lettere a), b), d) ed e) e all’articolo 7, paragrafo 1, della direttiva 96/9 / CE, articoli 2 e 3 di

Direttiva 2001/29 / CE, articolo 4, paragrafo 1, della direttiva 2009/24 / CE e articolo 15, paragrafo 1, della presente direttiva al fine di consentire l’uso digitale di opere e altre materie al solo scopo illustrativo a fini didattici, nella misura giustificata dallo scopo non commerciale da raggiungere, a condizione che tale uso:

  1. a) si svolge sotto la responsabilità di un istituto di istruzione, nei suoi locali o in altri luoghi, o attraverso un ambiente elettronico sicuro accessibile solo dagli allievi o studenti e personale docente dell’istituto di istruzione; e

(b) è accompagnato dall’indicazione della fonte, incluso il nome dell’autore, a meno che ciò non risulti impossibile.

 

  1. In deroga all’articolo 7, paragrafo 1, gli Stati membri possono prevedere che l’eccezione o la limitazione adottata a norma del paragrafo 1 non si applichi o non si applichi per quanto riguarda usi o tipi specifici di opere o altro materiale, ad esempio materiale destinato principalmente per il mercato dell’istruzione o gli spartiti, nella misura in cui sono facilmente disponibili sul mercato licenze adeguate che autorizzano gli atti di cui al paragrafo 1 del presente articolo e che coprono le esigenze e le specificità degli istituti di istruzione.

Gli Stati membri che decidono di avvalersi del primo comma del presente paragrafo adottano le misure necessarie per garantire che le licenze che autorizzano gli atti di cui al paragrafo 1 del presente articolo siano disponibili e visibili in modo adeguato per gli istituti di istruzione.

 

  1. L’uso di opere e altre materie a scopo puramente illustrativo per l’insegnamento attraverso ambienti elettronici sicuri intrapresi in conformità con le disposizioni del diritto nazionale adottate ai sensi del presente articolo si considera avvenuto esclusivamente nello Stato membro in cui l’istituto di istruzione è stabilito.

 

  1. Gli Stati membri possono prevedere un equo compenso per i titolari dei diritti per l’uso delle loro opere o di altre materie ai sensi del paragrafo 1.